La visita all’immobile


La visita all’immobile è fondamentale per qualsiasi affare immobiliare.

Sia che si tratti di un’asta, di uno stralcio e genericamente di un interesse di acquisto.

E molto importante arrivare preparati, alla prima visita.

Per rendere efficace al massimo la nostra visita è utile studiare bene l’immobile, in ogni minimo particolare.

Vedere se sono presenti inquilini dai quali trarre informazioni ed ai quali chiedere di scattare fotografie.

Valutare, oltre alle condizioni dell’abitazione, pure quelle dell’intero edificio a cui è eventualmente annessa.

Prendere l’appuntamento

In caso di stralcio si dovrà contattare il venditore e prendere un appuntamento.

Se si tratta di asta, ci si deve rivolgere, per l’appuntamento, al custode giudiziario, nominato dal tribunale.

I suoi contatti sono sempre inseriti nell’avviso di vendita.

Normalmente l’appuntamento non è immediato quindi attenzione a non ridurvi agli ultimi giorni prima della scadenza.

Tenete presente che il custode giudiziario non è venditore e neppure un agente immobiliare: 

non è tenuto ad elencare tutti i vantaggi – o svantaggi – dell’acquisto: siete voi gli attori della visita!

La presenza d’un tecnico

Se non si hanno grandi competenze immobiliari, è bene farsi accompagnare da uno specialista.

Anche nelle visite di aste immobiliari è possibile avere un accompagnatore, basterà farlo presente al custode quando si prende l’appuntamento.

Meglio servirsi di un tecnico esperto, per individuare subito le potenzialità dell’abitazione, così come costi eventuali di ristrutturazione, che vanno assolutamente considerati.

Ovviamente se si chiama un tecnico ad ogni visita, calcolando che a molte visite non seguirà un acquisto, i costi medi ad affare lievitano.

Il Team di lavoro

La soluzione giusta è creare un team, in modo che ciascun componente abbia un suo ruolo specifico, partecipando ad un fine ed un utile finale degli affari andati a buon fine.

Il team dovrà necessariamente comprendere, oltre agli investitori immobiliari, specialisti dei vari aspetti immobiliari:

  • tecnico;
  • legale;
  • fiscale.

Per l’aspetto tecnico potrà essere un geometra, ingegnere o architetto, con esperienza principalmente sulla ristrutturazione e riqualificazione di immobili.

Anche gli aspetti urbanistici e catastali sono fondamentali, così come l’abilità e precisione nelle stime immobiliari.

Per quanto riguarda gli aspetti legali, un avvocato con esperienza nel settore sarà la persona più indicata.

La delicatissima fiscalità dovrà essere affrontata dal notaio e dal fiscalista.

Si tratta di professionisti specializzati sulla fiscalità, per lo più con formazione economica (è un dottore commercialista che ha seguito un percorso formativo di specializzazione).

Si trovano spesso i ‘superesperti’: persone senza alcun titolo, provenienti spesso dalle varie ‘scuole di aste e stralci’ non regolamentate.

Attenzione a queste figure assimilabili ai barbieri-cerusici medievali: sanno tutto e spesso niente e di solito vi mettono nei guai!

A cosa porre attenzione durante la visita?

E’ opportuno prepararsi una checklist con le osservazioni importanti.

Non dovranno mancare:

  • Stato generale del condominio (facciate, corte, vano scala);
  • Stato dell’appartamento: condizioni di manutenzione, situazione impianti, pavimenti, serramenti, intonaci.

Si dovrà cercare di capire se l’immobile sia solo da svecchiare o da ristrutturare.